logo 

 

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5


*********
e Pontefice
Eremita

Calendario

Settembre 2017
DLMMGVS
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Frasi scorrevoli

"L’uomo nuovo" è caratterizzato dalla volontà di regalare la vita partendo dal perdono, da chiedere e da dare. Prima di tutto a se stessi.

La Perdonanza è un'esperienza di vita che consente a tutti di divenire persone nuove.
Istituita da Celestino V nel giorno della propria incoronazione papale (29 Agosto 1294), la Perdonanza è la remissione completa di ogni colpa e di ogni pena, concessa a tutti coloro che riconoscono i propri peccati come un male, li confessano nel sacramento istituito da Cristo, visitando la Basilica di Collemaggio.

La liberazione dal male, o colpa, e dalle conseguenze dei propri errori, o pena, viene indicata e donata come linfa di vita personale e sociale autentica.

La Bolla della Perdonanza aquilana

"Celestinus episcopus, servus servorum Dei, universis Christifidelibus presentes litteras inspecturis, salutem et apostolicam benedictionem. Inter sanctorum solemnia, S. Iohannis Baptistae memoria eo est solemnius honoranda, quo ipse de alvo sterilis matris procedens, fecundus virtutibus, sacris eulogiis et facundus fons, apostolorum labium et silentium prophetarum in terris Christi presentiam, caliginantis mundi lucernam ignorantiae obtectis tenebris, verbi preconio et indicis signo mirifico nuntiavit, propter quod eius gloriosum martyrium mulieris impudicae indictum, intuitu misterialiter est secutum. Nos, qui in ipsius Sancti decollatione Capitis, in ecclesia sancte Marie de Collemayo Aquilensi Ordinis S. Benedicti, suscepimus diademate, impositum capiti nostro, insigne, hymnis et canticis ac fidelium devotis dicta ecclesia precipuis extollatur honoribus et populi Domini devota frequentia tanto devotius et ferventius honoretur, quanto inibi querentium. Dominum supplex postulatio gemmas ecclesiae donis micantes spiritualibus sibi reperiet in eternis tabernaculis profuturas, omnes vere penitentes et confessos, qui a vesperis eisdem festivitatis vigilie usque ad vesperas festivitatem ipsam immediate sequentes ad premissam ecclesiam accesserint annuatim, de omnipotentis Dei misericordia et beatorum Petri et Pauli, apostolorum eius, auctoritate confisi, a baptismo absolvimus a culpa et pena, quam pro suis merentur commissis omnibus et delictis. Datum Aquile, III Kalendas octobris, pontificatus nostri anno primo".


bollacelestiniana"Celestino vescovo, servo dei servi di Dio, a tutti i fedeli di Cristo che vedranno questa lettera, porge il saluto e l'apostolica benedizione. Tra le feste dei santi tanto più solennemente deve onorarsi la memoria di san Giovanni Battista in quanto egli, nascendo dal grembo di una donna sterile, fecondo di virtù, di santi doni, fonte feconda della parola degli apostoli e silenzio dei profeti, annunciò con pubblici discorsi e col segno meraviglioso del suo indice la presenza di Cristo in terra, luce del mondo immerso nelle tenebre dell'ignoranza, per la qual cosa seguì misteriosamente il suo glorioso martirio, imposto dalla volontà della donna impudica. Noi, che nel giorno della Decollazione di cotesto santo, nella chiesa aquilana di Santa Maria di Collemaggio dell'ordine di san Benedetto, ricevemmo l'insegna del diadema impostoci sul capo, desideriamo che questa chiesa sia ancora più onorata e venerata con inni e canti e con le preghiere devote dei fedeli. Perciò, affinché in questa stessa chiesa la festa della Decollazione del Battista sia elevata ad onori speciali con la devota frequenza del popolo del Signore e tanto più devotamente e assiduamente sia onorata, quanto più la semplice invocazione di coloro che si rivolgono al Signore lì trovi i gioielli della Chiesa risplendenti di doni spirituali che giovino a essi nei tabernacoli della vita eterna, tutti coloro che saranno veramente pentiti dei peccati confessati e che dai vespri della vigilia della festa fino ai vespri immediatamente seguenti la festa stessa ogni anno entreranno nella predetta chiesa, assolviamo da ogni colpa e pena che meriterebbero per i loro delitti e per tutto quel che commisero a partire dal battesimo, per la misericordia di Dio onnipotente, e confidando nell'autorità dei santi Pietro e Paolo, suoi apostoli".

Dato all'Aquila, il 29 settembre del primo anno del nostro pontificato



perdonanza1Il Decreto della Perdonanza di Ferentino

BEATISSIMO PADRE Salvatore Boccaccio, Vescovo di Frosinone - Veroli - Ferentino, mentre manifesta verso la Santità Tua i suoi sentimenti di filiale devozione nonché (quelli) del clero e dei fedeli affidati alla sua cura pastorale espone con deferenza: Sorge in Ferentino una antichissima Chiesa sotto il titolo di S. Antonio Abate, da San Celestino V, prima che fosse innalzato al supremo Pontificato, nuovamente edificata e costituita sede primaria dell'Ordine religioso da lui fondato.
Inoltre in questa Chiesa è il sepolcro nel quale per primo fu deposto il corpo dello stesso Santo Pontefice, che in seguito fu traslato nella città dell'Aquila. Dopo che, nell'anno 1313, Celestino fu ascritto nell'albo dei Santi, da Clemente V, numerosissimi fedeli, fino ai nostri giorni, furono soliti accorrere per devozione alla Chiesa suddetta, per impetrare l'intercessione di San Celestino, che fu acclamato sin dai tempi antichi secondo celeste Patrono di Ferentino.
Affinché tuttavia i fedeli, attingano più copiosamente da quella pia devozione i frutti dì una carità spirituale verso tutti e di una gerarchica comunione con il Romano Pontefice e il proprio Vescovo, il suddetto Eccellentissimo richiedente implora per loro il dono dell'Indulgenza plenaria. E Dio, ecc. 
Il giorno 12 ottobre 2001 La Penitenzieria Apostolica, accettando volentieri le richieste manifestate, con l'autorità ad essa conferita dal Sommo Pontefice, volentieri concede l'INDULGENZA PLENARIA, alle consuete condizioni (Confessione sacramentale, Comunione eucaristica, preghiera secondo l'intenzione dei Sommo Pontefice), da lucrarsi dai fedeli che, escluso ogni affetto verso qualunque peccato, piamente si faranno visitatori della suddetta Chiesa partecipando colà a qualche sacra celebrazione, o per lo meno recitando devotamente la preghiera del Signore ("Padre Nostro" n) d r.) e il simbolo della Fede ("Credo " n. d. r.).

A) Nei giorni 19, 20 e 21 maggio, nei quali si celebra liturgicamente la nascita al cielo di Celestino V e la deposizione del suo corpo 
B) Tutte le volte che, per devozione vi fossero in quel luogo molti pellegrini
C) Una volta l'anno nel giorno scelto liberamente da ogni singolo fedele.

Il presente sia valido in perpetuo nonostante qualunque cosa in contrario.
Willelmus Card Baum Penitenziere maggiore

Giovanni Maria Gervais officiale

Qui il testo in latino
pdfperdonanza 22 maggio 2007.pdf

Origine e significato dell'indulgenza qui


eremo-8APERTURA DELLA PORTA SANTA  
La Porta Santa è un simbolo caratteristico del cammino dell'uomo verso l'incontro con Dio, una porta attraverso cui passare, aperta dall'amore di Dio e dal potere spirituale della Chiesa, solo in uno speciale tempo di grazia: i giorni della Perdonanza.

La Porta è un immagine, che, facendo parte dell'esperienza umana, è particolarmente ricca di richiami e significati: essa rappresenta un luogo di transito, una strettoia che separa due spazi diversi, un momento di iniziazione, di passaggio dal fuori al dentro. Quando è aperta, la porta è invito alla partecipazione, è strumento di comunicazione; quando è chiusa, è barriera di difesa e esclusione. Chi attraversa la Porta Santa proclama visibilmente la propria volontà di lasciare alle spalle le tenebre e di entrare nella luce.
Chi la attraversa sinceramente, intende annullare il proprio passato di peccato e vuole entrare definitivamente in comunione con gli uomini redenti, con i Santi. Chi non l'attraversa rimane fuori dalla festa.

La Porta Santa è aperta temporaneamente, per il tempo di grazia dei Giubilei e della Perdonanza, e poi viene chiusa, perché l'uomo è invitato ad approfittare dei tempi di grazia senza rimandi. La grazia di Dio non è a disposizione di chi la ignora.

La porta che si chiude è anche simbolo del termine della vita, unico tempo disponibile per rispondere agli inviti di Dio. Cristo ha detto "io sono la porta".

E' Lui la Porta Santa attraverso la quale "passare", assumendo definitivamente i suoi stessi sentimenti, le sue scelte, le sue decisioni. Chi vuole entrare per questa porta deve umiliarsi, riconoscendo in verità la propria miseria e confidando sempre nella misericordia del Padre di Gesù che ci perdona. 


Copyright © 2017 Associazione San Pietro Celestino