logo 

 

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5


*********
e Pontefice
Eremita

Calendario

Ottobre 2017
DLMMGVS
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Frasi scorrevoli

(da T’innamorerai 1993)

"Te l'ho con chi mi chiama profeta della depressione, canto la rabbia che ho dentro", "sono lo specchio delle migliaia di ragazzi che mi scrivono per avere risposte sull' amore, la droga, la propria identità, Dio, la famiglia", "condanno le fabbriche d' illusioni, certe ragazze pensano che basti andare a letto con qualcuno per fare carriera"; questo scriveva Masini in risposta a chi lo accusava di essere uno sfigato, di lanciare i suoi improperi allo specchio … eppure, come molte altre di questo cantautore toscano, anche questa  canzone è particolarmente cruda, schietta, un grido lanciato verso Dio e verso gli uomini. Ernesto Balducci, sacerdote particolare, forse scomodo, ma sicuramente un prete vero: è lui l’Ernesto al quale si rivolge urlando il giovane, chiedendo se valeva la pena di cercare di cambiare la mentalità di Firenze, se poi sarebbe morto in un incidente stradale … . "La fede è soltanto un regalo di Dio": è vero, la fede è un dono che nasce nel battesimo e si alimenta con gli altri sacramenti; ma la sofferenza della ricerca, la fatica del trovare una risposta, sono il segno che non ci lascia andare alla disperazione, che anche negli imprevisti c’è sempre "una piccola luce nel buio" … .    
           

DIO NON C'E'

Cosa ci faccio in questa chiesa
io che non credo al tuo Gesù
con questo vuoto che mi pesa
adesso che non ci sei più
come facevi a fare il prete
fra comunisti e farisei
com'è lontano il monte Amiata
Ernesto non lo rivedrai
Dio non c'è
non ci credo lo sai
Dio non c'è
non ci credo e tu non mi convincerai
Era un discorso lasciato a metà
quando io mi ero perso e non ero più io
la tua Chiesa in salita e la comunità
era almeno qualcosa una piccola luce nel buio
E ora Dio non c'è
e ho bisogno di lui
Dio non c'è
e bestemmio come una preghiera ormai
Il mondo passa da Firenze
solo per prendere un caffè
e nell'imbecille indifferenza
muore la gente forte come te
Perché Dio non c'è
siamo soli quaggiù
ti dico che Dio non c'è
ma la tua voce
ormai non mi risponde più
L'ho cercato con tutta la mia volontà
ma la fede è soltanto un regalo di Dio
la domenica io lo sapevo eri là
eri almeno qualcosa una piccola luce nel buio
Dio non c'è
no Dio non c'è
Ma cosa ci faccio in questa chiesa
piena di gente come te
che ancora vuole credere in qualcosa
mentre un silenzio disperato dentro me
grida Dio non c'è


Copyright © 2017 Associazione San Pietro Celestino