logo 

 

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5


*********
e Pontefice
Eremita

Calendario

Dicembre 2017
DLMMGVS
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31

Frasi scorrevoli

(da Guai A Chi Ci Tocca - 1995)

I 99 Posse sono una band di nicchia, ma ben conosciuta agli addetti ai lavori … . La rabbia di questa canzone la ritroviamo anche in altri loro brani celebri, che avremo occasione di analizzare; si parla di Dio, di un dio che non vive nel cielo, non è lontano dagli uomini, ma è nella pancia, nel fosso della vita di tutti i giorni; è un dio che non rassicura, come certi preti che sorridono tranquilli di fronte alla distruzione della dignità delle persone; insomma, non è il Dio della religione, con la struttura e la sovrastruttura che la sostiene e la alimenta … è piuttosto la rabbia della vita di tutti i giorni, abbandonata a se stessa, tutt'al più intimorita da "è peccato, è peccato" … .
E' un pugno nello stomaco, una doccia fredda, ma serve, altroché se serve … .


TU LO CHIAMI DIO 

(ascolta)

Tu lo chiami dio ma io non lo conosco
nunn'è n'amico d'o mio e lo trovo un po' losco
dio deve essere importante perché in lui è concentrato
il senso sacro dell'impero creato
dio deve essere importante ma attenzione attenzione
non parlerò di dio con chi sostiene una religione
tu lo chiami dio ma io non lo conosco
vive in cielo il tuo dio e noi siamo in un fosso
il mio dio non giustifica le contraddizioni
lui si schiera e combatte, non rimanda al domani
lui non deve incarnare le mie aspirazioni
lui mangia con me procediamo a tentoni

Ho visto troppo persone morire soltanto
in nome de padrie et filio et spirito santo
mille generazioni martoriate dal dubbio
torturate con calcolo è peccato è peccato
ho visto donne combattere battaglie inumane
violentate nell'intimo e chiamate puttane
mille generazioni martoriate dal dubbio
torturate con calcolo è peccato è peccato
ho visto vite distrutte nel sorriso di un prete
calmo e rassicurante nel parlarmi di fede
mille generazioni è peccato è peccato
e lui calmo sorride nel chiostro maiolicato

Tu lo chiamo dio ma io non lo conosco
la mia spiritualità non si esprime nel culto
il mio dio non vive in cielo non sa neanche volare
se ho bisogno di lui non lo devo pregare
non divide le acque non moltiplica i pani
il mio dio è la mia pancia e muove lei le mani


Copyright © 2017 Associazione San Pietro Celestino