logo 

 

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5


*********
e Pontefice
Eremita

Calendario

Ottobre 2017
DLMMGVS
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Frasi scorrevoli

(da Tutti gli Zeri del mondo - 2000)

L’esperienza tragica dei cani abbandonati è riportata e cantata come metafora plausibile dell’esperienza umana. Ancora una volta, con linguaggio crudo e pressione emotiva raffinata, che conduce a intimi brividi, Renato Zero narra il dramma dei cani randagi ma, ancor più, personalizzandosi in loro, traccia il ritratto di ognuno di noi quando ci ritroviamo tra "la perduta gente" in questa "città dolente" che è la vita, tormentata dal senso di un misterioso abbandono. Il Cantautore (non ce lo dice, ma lo fa apposta!) è non soltanto metaforico ma è essenzialmente metafisico. Ogni suo canto, nel massimo rispetto delle libertà individuali, si sviluppa sul doppio registro della metafora (ti racconta cose quotidiane che tu ben conosci ma intende spingerti a prese di coscienza e di posizione che spesso ignori o rimuovi) e della metafisica: ti  racconta schegge di vita quotidiana per condurti "più su", "più in là". "Sole, pensaci tu! Illumina gli uomini, scaldali di più …". Quale nuovo linguaggio! Quale modo umano e quindi divino di riconoscere valori eterni e vitali, con la semplicità di un … cane randagio in cerca di amore, di Senso! Quale sincerità, nel presentarsi così fratello universale, per tutti i fratelli in ricerca di un sentiero!
"Lascia la porta aperta … !" non è forse la supplica che affiora dal più profondo di ognuno di noi?

 

IL PELO SUL CUORE

(ascolta) 

Se scegli me
in questo serraglio
considera che
non sopporto il guinzaglio
un randagio si ...
se non mi vuoi
lasciami qui ...

Mio Dio le botte
nessuna pietà ,
questo è ciò che mi spetta
per la mia fedeltà 
senza un pedigree
non sei nessuno qui ...

Lancia il tuo sasso laggiù
non ho più fiato non corro più            
festeggiarti e difenderti ormai
come potrei
tutta la vita in un angolo ...
Peloso angelo

Sole ... pensaci tu ...
illumina gli uomini ...
scaldali di più ...!
per noi bastardi ...

scampo non c'è ...
dimenticati qui, così ...

La vita poi
ci riserva gli avanzi
iniqua come con voi
di carezze e silenzi
è possibile che
giustizia qui non c'è

Tatuati e schedati ci vuoi
per sesso, razza, bellezza, età 
selezioni anche fra i figli tuoi ...
che crudeltà ...

hai mai provato a comprenderci
almeno provaci ...

Cuori ... senza magia ...
di soffocanti collari ... piena la via ...
quanti padroni ... perdonerai ...
Per non lasciarti ... là  dove sei!

Un cane sciolto, casa non ha ...
lascia la porta aperta e lui ... ritornerà.


Copyright © 2017 Associazione San Pietro Celestino