logo 

 

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5


*********
e Pontefice
Eremita

Calendario

Ottobre 2017
DLMMGVS
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Frasi scorrevoli

(da Certi momenti, 1981, testo: Pierangelo Bertoli - musica: Marco Dieci)

Pierangelo Bertoli, grande cantautore, scomparso ormai da alcuni anni, non si è mai smentito nelle sue convinzioni, la sua "fede assoluta" nell’uomo, nella libertà di pensiero e di azione, che non può essere sottomessa a nulla, nemmeno al senso di appartenenza ad una comunità, ad una Chiesa … . Non crede nel perdono, non crede nella vita pacifica … non è la prima volta che nelle sue canzoni interpella quello che lui chiama il "polacco", che avrebbe creato un clima di sospetto, di senso di colpa, di pentimento; il fatto è che, secondo Bertoli, la Chiesa avrebbe un bisogno enorme di peccatori per giustificare i suoi scopi umanitari, la sua "magnanimità" … si sente la rabbia che esplode dai suoi polmoni, costretti e compressi da una sedia a rotelle … peccato davvero …. .

 

CERTI MOMENTI 

(ascolta)

Anna che hai scavalcato le montagne
e hai preso a pugni le tue tradizioni
lo so che non è facile il tuo giorno
ma il tuo pensiero è fatto di ragioni.
I padri han biasimato la tua azione
la Chiesa ti ha bollato d’eresia
il cambiamento impone la reazione
e adesso sei il nemico e così sia.

Credo che in certi momenti
il cervello non sa più pensare
e corre in rifugi da pazzi e non vuole tornare
poi cado coi piedi per terra
e scoppiano folgore e tuono
non credo alla vita pacifica
non credo al perdono.

Adesso quando i medici di turno
rifiuteranno di esserti d’aiuto
perchè venne un polacco ad insegnargli
che è più cristiano imporsi col rifiuto
pretenderanno che tu torni indietro
e ti costringeranno a partorire
per poi chiamarlo figlio della colpa
e tu una Maddalena da pentire.

Credo che in certi momenti
il cervello non sa più pensare
e corre in rifugi da pazzi e non vuole tornare
poi cado coi piedi per terra
e scoppiano folgore e tuono
non credo alla vita pacifica
non credo al perdono.

Volevo dedicarti quattro righe
per quanto può valere una canzone
credo che tu abbia fatto qualche cosa
anche se questa è solo un’opinione
che lascerà il tuo segno nella vita
e i poveri bigotti reazionari
dovranno fare senza peccatrici
saranno senza scopi umanitari.

Credo che in certi momenti
il cervello non sa più pensare
e corre in rifugi da pazzi e non vuole tornare
poi cado coi piedi per terra
e scoppiano folgore e tuono
non credo alla vita pacifica
non credo al perdono.
 


Copyright © 2017 Associazione San Pietro Celestino