logo 

 

foto1 foto2 foto3 foto4 foto5


*********
e Pontefice
Eremita

Calendario

Dicembre 2017
DLMMGVS
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31

Frasi scorrevoli

monasteroIl complesso monastico di S. Antonio Abate sorge a circa 3 Km dal centro storico di Ferentino, sulla sommità di una collina tufacea, anticamente denominata "Colle del Fico" al crocevia di due importanti vie di comunicazione nel Medioevo, per i pellegrini in cammino sulle Vie_francigene: la Via Latina che congiungeva infatti Roma con Capua e Napoli, da cui proseguire verso Monte S.Angelo in Puglia, testa di ponte verso Gerusalemme, e la Pedemontana collegata con l'Abruzzo.

La posizione geograficamente strategica, sia per la difesa della città che per il controllo delle due importanti arterie viarie, fu certamente la causa della costruzione di un edificio militare di cui si osservano alcuni resti nella parete meridionale della chiesa. Sul finire del IV secolo, sulle vestigia del primitivo insediamento romano, venne eretta una "cona battesimale" fortificata dedicata a S. Giovanni Battista.

Intorno all’XI secolo, nei pressi della chiesa si insediarono i monaci_Antoniani, una Congregazione eremitica nata in Francia, dedita alla cura del "fuoco di S. Antonio", particolare tipo di herpes, (herpes zoster) specie dei pellegrini diretti a Sud.
Della presenza di questi monaci restano numerose testimonianze come il bellissimo affresco raffigurante S. Antonio Abate, il portale della chiesa e quello del chiostro, entrambi di stile gotico francese.

storia1storia2Nella seconda metà del XIII secolo, Pietro del Morrone rilevò il complesso monastico precedente e dopo radicali restauri e adattamenti vi insediò una delle primissime comunità dei "Fratelli dello Spirito Santo", la Congregazione religiosa da lui fondata, costituendone un centro di irradiazione in Italia e in Europa.
Il documento più antico attestante l'esistenza del cenobio celestiniano di S. Antonio Abate è una pergamena inedita del fondo Celestini dell’Archivio Vaticano, contenente un atto di donazione del 14 aprile 1267.
Dopo un lunghissimo conclave il 25 luglio 1294, Pietro del Morrone venne eletto papa con il nome di Celestino V.

storia4Con la sua incoronazione papale, il 29 agosto 1294, Celestino V concesse alla Basilica di Collemaggio, nella città de L'Aquila, il singolarissimo privilegio della "Perdonanza", una sorta di Giubileo ante litteram che in seguito venne esteso ad alcune delle Chiese più importanti della Congregazione Celestiniana. 

storia5Al centro di un conflitto tra il re di Napoli, Carlo II d’Angiò, e la Curia cardinalizia, dopo pochi mesi, il 13 dicembre 1294, Celestino V abdicò al pontificato. A succedergli, di lì a poco, il cardinale anagnino Benedetto Caetani, divenuto papa Bonifacio VIII che, per evitare uno scisma – i Francesi avrebbero potuto disconoscere la scelta di Celestino V, riabilitandolo come papa – fece ricercare e arrestare il suo predecessore, rinchiudendolo nella rocca di Fumone (estate 1295), dove Pietro Angelerio si spense il 19 maggio 1296.

storia6Papa Bonifacio VIII dispose che il corpo fosse traslato solennemente nel monastero di S. Antonio Abate a Ferentino. Terminato il rito funebre, celebrato dal Cardinale Celestiniano Tommaso d'Ocre, alla presenza di tutti i Vescovi e superiori delle famiglie religiose della provincia di Campagna, il corpo di Celestino V venne deposto nel sepolcro scavato nell'arenaria "iuxta maius altare". 

Il monastero di S. Antonio Abate divenne meta di frequenti e devoti pellegrinaggi, soprattutto dopo il 5 maggio 1313, quando papa Clemente V sancì ufficialmente, in Avignone, la santità di Pietro Celestino. Le cronache più antiche riportano la notizia di numerosi miracoli avvenuti a Ferentino presso la tomba del Santo Pontefice. La città inoltre, secondo quanto attestato dagli antichissimi statuti comunali risalenti al XIV secolo, venerò da subito S. Pietro Celestino come suo Secondo Patrono accanto a S. Ambrogio martire.

L'afflusso di pellegrini e le numerose donazioni testamentarie favorirono un incremento considerevole del patrimonio dei monastero. Si ha ragione di credere che le cospicue entrate vennero utilizzate anche per decorare artisticamente la chiesa: di questa decorazione, certamente opera di valentissimi artisti (qualche esperto vi rileva la mano di Pietro Cavallini e della sua scuola), restano poche tracce nelle pareti della chiesa, come il preziosissimo affresco raffigurante San Pietro Celestino. 

Le notevoli difficoltà incontrate dai pellegrini per raggiungere Ferentino, la ristrettezza dei luoghi, ma ancor più il desiderio di assicurarsi le ricche offerte, suggerirono ai monaci di trasferire solennemente il corpo del Santo pontefice nella Basilica di Collemaggio a L’Aquila. Questo avvenne il 15 febbraio 1327. 

storia7Come segno tangibile dell'affetto che Pietro Celestino aveva dimostrato per Ferentino, in città venne lasciata la reliquia del cuore che, ancora incorrotto, è custodito attualmente dalle monache Clarisse. Una tardiva tradizione, codificata anche da storici del XVI secolo ed entrata nella letteratura, sostiene che il vescovo di Ferentino, con un atto di forza, aveva fatto traslare le ossa di S. Pietro Celestino nella chiesa extraurbana di S. Agata onde assicurarsene il possesso.
Da qui esse sarebbero state trafugate rocambolescamente a L’Aquila dai monaci Celestiniani. Alla luce dei documenti più antichi e di una corretta analisi storica degli avvenimenti, questa tesi appare priva di ogni fondamento. 

La chiesa ospita le spoglie di Martino Filetico, insigne umanista del XV secolo, mecenate e fondatore della prima scuola pubblica ferentinate, precettore alla corte di Federico da Montefeltro.
La crisi vocazionale che interessò gli ordini contemplativi durante la Controriforma ridimensionò fortemente l'abbazia ferentinate, dapprima ridotta a priorato dipendente dal monastero romano di S. Eusebio, poi addirittura in grangia. 

Alla fine del '700 la chiesa del monastero venne comunque adattata al gusto del tempo: il tetto a capriate venne coperto da una volta a botte (che rovinò inesorabilmente i preziosissimi affreschi), venne eretta l'ancona barocca dell'altare maggiore e le due navatelle laterali vennero ridotte a cappelle.
pala-giorginiUna volta soppresso l'Ordine celestiniano, a causa degli editti napoleonici del 1807, il monastero venne incorporato nella mensa vescovile di Ferentino e i suoi beni (ancora assai cospicui) assegnati prima alle Monache benedettine di Subiaco, e in seguito al Collegio Irlandese di Roma.
Nel 1829, il cardinale Pietro Vidoni (1759-1830), che aveva fatto adattare l'edificio occidentale dei monastero a sua residenza estiva, fece collocare sull'altare maggiore l'attuale pala, opera egregia del pittore Andrea Giorgini.
Per alcuni anni, a partire dal 1855, i locali dell'abbazia ospitarono un orfanotrofio maschile affidato ai religiosi Salvatoristi di S. Brigida. Nel 1869, una fiorente comunità di padri Passionisti, espulsi dal regno di Napoli, si insediò nel monastero e vi dimorò per 24 anni, fino al 1893. 

Ai Passionisti si avvicendarono, per breve tempo, i Padri Cappuccini.
Nel 1926 la Chiesa e il complesso monastico divennero sede di una poverissima "parrocchia rurale". Lo scorrere del tempo, la mancanza di mezzi economici e la negligenza degli uomini, avevano cooperato gradualmente a ridurre lo storico complesso abbaziale alla stregua di un rudere, al punto tale che le competenti autorità si videro costrette a dichiararne l'inagibilità.
Grazie all'impegno di alcuni, in particolare della Associazione culturale "gli Argonauti", negli anni Novanta del Novecento si operò una riscoperta del monumento e si promosse un’ampia campagna culturale di sensibilizzazione tesa a provocare interventi di salvaguardia da parte dei competenti organismi statali.
Dopo una parziale ma solerte opera di restauro, conclusasi nel giugno del 2000, il complesso monastico di S. Antonio Abate, sede della più grande parrocchia della città di Ferentino, è stato restituito al mondo della cultura e dell'arte. 

Con decreto della Penítenzieria Apostolica del 12 ottobre 2001, è stato concesso a tutti i pellegrini che visiteranno la chiesa nei giorni compresi tra il 18 e il 21 maggio, nonché in altre particolari situazioni, di poter lucrare l'Indulgenza plenaria della Perdonanza, alle consuete condizioni sacramentali dettate dalla Chiesa.


Copyright © 2017 Associazione San Pietro Celestino